STRUTTURE IPOECOGENE

La struttura ipoecogena e' ecograficamente rappresentata da un'area con echi di ridotta intensita' rispetto al parenchima circostante o ad una struttura limitrofa di comparazione.
All'interno di un parenchima e' possibile individuare aree ipoecogene rispetto al contesto ecografico circostante, oppure, laddove la ipoecogenicità si manifesti diffusamente, rispetto  alla ecogenicità dell'organo limitrofo.
Le lesioni ipoecogene rappresentano l'aspetto ecografico tipico dell'infiammazione. Le cellule infiammatorie non producono variazioni ecografiche rilevabili, mentre l'edema dei tessuti determina una riduzione delle interfacce riflettenti gli echi, responsabile dell'aspetto ecografico ipoecogeno. In corso di processo infiammatorio possiamo visualizzare aree ipoecogene focali o diffuse, omogenee o disomogenee.

1) Lesioni ipoecogene diffuse:

- tiroidite autoimmune (conferisce un aspetto ipoecogeno omogeneo o disomogeneo a tutta la tiroide);

- epatite virale (può conferire un aspetto ipoecogeno a tutto il fegato);

- pancreatite acuta;

- scialoadenite acuta;

- orchiepididimite acuta.

2) Lesioni ipoecogene focali:

- adenoma epatico

- adenoma tiroideo

- carcinoma primitivo

- metastasi

- ascesso

- localizzazioni di malattie linfoproliferative

- iperplasia nodulare focale (FNH) del fegato

- lipomi della mammella

- cisti endometriosiche

- miomi uterini

- aree risparmiate dalla steatosi epatica (non lesione)

- angioma epatico atipico