Patologia della colecisti

Quadri ecografici

INDICE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI

Litiasi della colecisti

La maggior frequenza di litiasi della colecisti si ha nel sesso femminile tra i 40 e i 60 anni; la gravidanza aumenta l'incidenza dei calcoli alla colecisti.

La caratteristica ecografica di maggiore rilievo è rappresentata dal cono d'ombra posteriore suggestivo per liatiasi della colecisti nel 100% dei casi, mentre di fronte a formazioni iperecogene prive di cono d'ombra posteriore la diagnosi diventa più difficile. Modificando il decubito è possibile assistere alla variazione della posizione dei calcoli.

La sabbia biliare (o microlitiasi o sedimento biliare o pseudolitiasi) può essere tempestivamente trattata con una terapia medica nel paziente asintomatico. Nelle forme di sabbia biliare associate a colangiti, colecistiti o pancreatiti, il trattamento di scelta è rappresentato dalla colecistectomia.

Caso clinico:

Paziente asintomatico, con una storia di episodi sporadici di colica biliare. In follow-up clinico ed ecografico.
Litiasi della colecisti

Calcoli multipli sub-centimetraci depositati sulla parete corpo della colecisti

Litiasi della colecisti

Calcoli multipli

Caso clinico:

Paziente asintomatico, in follow-up da circa 6 anni per calcolo unico della colecistici.

Caso clinico:

Paziente asintomatico di anni 35. Esame ecografico eseguito per controllo a distanza di 20 anni da episodio di epatite virale A. L'esame dimostra calcolo unico della colecisti, di circa 15 mm di diametro, con cono d'ombra posteriore. La colecisti è contratta, la preparazione del paziente non è ottimale.
Colecisti

Calcolo unico della colecisti con cono 'ombra posteriore

Colecisti litiasi

Calcolo della colecisti: ben visibile il cono d'ombra posteriore

Colecisti

Calcolo della colecisti: ben visibile il cono d'ombra posteriore

Colecistite acuta

Nel 90% dei casi si tratta di una colecistite acuta litiasica dovuta ad un calcolo che si è incuneato nel collo della colecisti o nel dotto cistico. Nei rimanenti casi si parla di colecistite acuta alitiasica.

Le caratteristiche ecografiche di rilievo in corso di colecistite acuta litiasica sono:

- formazioni iperecogene, più spesso con cono d'ombra posteriore

- ispessimnento della parete colecistica (aspetto a binario)

- aumento delle dimensioni

- presenza di segnale colorDoppler per ipervascolarizzazione

- presenza di versamento pericolecistico

Nella colecistite acuta alitiasica si possono riscontrare bolle d'aria prodotte da microrganismi come Clostridium ed Escherichia coli che possono essere confuse con le calcificazioni di parete nel quadro clinico di colecisti a porcellana.

Colecistite cronica

I segni ecografici di colecistite cronica sono le dimensioni ridotte, colecisti contratta a pareti ispessite.

Colecistosi

La colecistosi è una colecistopatia cronica non infiammatoria, costituisce il 5% delle patologie a carico delle vie biliari. Caratteristica comune delle colecistosi è l'iperplasia della mucosa. Le forme principali di colecistosi sono:

- la colesterolosi (colecistosi tesaurismosica)

- la colecisti a porcellana (colecistosi tesaurismosica)

- l'adenomiomatosi (colecistosi iperplastica)

- Colesterolosi

Ispessimento iperecogeno della parete colecistica, diffuso o focale. La varietà più comune è quella diffusa, planare, nella quale si possono rilevare piccole irregolarità della parete colecistica con riverbero posteriore a coda di cometa. La varietà focale, polipoide, si presenta con lesioni focali iperecogene di dimensioni superiori a 3 mm che si mantengono, di solito, al di sotto dei 10 mm.

Caso clinico:

Paziente asintomatico, reperto occasionale di piccoli polipi della parete colecistica compatibili con colesterolosi.

Caso clinico:

Paziente asintomatico, con formazione iperecogena millimetrica a carico della parete colecistica. Reperto compatibile con colesterolosi.

- Colecisti a porcellana

- quadro completo: forma semilunare iperecogena con cono d'ombra posteriore che interessa tutta la colecisti

- quadro incompleto: sono interessati solo alcuni tratti della colecisti

La colecisti a porcellana rappresenta un fattore di rischio importante, insieme alle anomalie del dotto pancreatico-biliare, per lo sviluppo dell'adenocarcinoma

- Adenomiomatosi

Ispessimento diffuso o parziale e visualizzazione dei seni di Rokitansky-Aschoff (diverticoli intraparietali anecogeni o ecogeni se contengono fango biliare, microcalcoli o vegetazioni papillari)

Tumori benigni

Sono i papillomi, gli adenomi e gli adenomiomi, tumori epiteliali benigni. I tumori benigni più comuni sono gli adenomi.

Carcinoma

Data la scarsità dei sintomi, è fondamentale riconoscere i fattori di rischio predisponenti al fine di effettuare una colecistectomia profilattica, come nel caso della colecisti a porcellana e dei polipi di dimensioni maggiori di 10 mm.

Può presentarsi sottoforma di:

- massa iperecogena occupante tutta la colecisti

- massa vegetante iperecogena che origina dalla parete, aggettante nel lume, di dimensioni maggiori ad un cm

- ispessimento iperecogeno della parete, tipico delle forme infiltranti

Ecografia Clinica. Busilacchi - Rapaccini. Idelson Gnocchi

Immagini: www.medicinapertutti.it